Concerto di apertura dell'Anno Accademico 2001/2002

Venerdì 26 Ottobre 2001 ore 20.30

Cineteatro Costantino - Macomer

Johannes Brahms

Valzer, danze, Liebeslieder

 

- Valzer Op.39 nn. 1-6, 9, 14, 15, 16

- Danze ungheresi nn. 1, 2, 4-6

- Liebeslieder-Valzer Op. 52a 1-18

 

Pianoforte Orio Buccellato, Marcella Vinci

Coro Polifonico "Melchiorre Murenu" - Macomer

Direttore del coro Francesco Vacca-Baldus

ingresso libero

  > Pagina iniziale

> Attività

> 10 anni

> Viaggi

> Foto

> Informazioni

 

Traduzione dei Liebeslieder-Valzer

 

1. Dimmi, fanciulla troppo amata, chi ha scagliato nel mio freddo petto, con un solo sguardo, questi tempestosi, ardenti sentimenti!Non vorresti intenerire il tuo cuore? Desideri essere casta e rimanere senza dolce beatitudine, o vuoi che io venga?Rimanere senza dolce beatitudine. Non vorrei mai fare una tale amara penitenza. Dunque vieni, occhi neri, vieni quando le stelle mandano il loro saluto.

 2.Contro le rocce si infrange il torrente, con violenza: chi non sa sospirare così lo imparerà con l’amore.

 3. 0 donne, o donne, che dolce beatitudine sapete dare! Sarei diventato monaco da lungo tempo se non fosse stato per le donne!

 4. Come il rosso incantevole della sera, potessi io, povera fanciulla, ardere; qualcuno, qualcuno che ti ami ed essere fonte di una gioia senza fine!

 5. I verdi tralci di vite ondeggiano giù, sulla terra. La giovane, bella fanciulla: così tristi sono i suoi pensieri! Ascolta, verde vite! Perché non ti sollevi verso il cielo? Senti, graziosa fanciulla! Perché il tuo cuore è così abbattuto? Come può la vite sollevarsi quando non ha alcun appoggio? Come può la fanciulla essere lieta quando il suo amato è così lontano?

 6. Un piccolo, grazioso uccellino ha preso il volo nel giardino: là c’erano molti frutti. Se fossi un grazioso, piccolo uccello, non indugerei, farei come ha fatto lui. Una malvagia trappola era nascosta in quel luogo; il povero uccello non poté sfuggire. Se fossi un grazioso, piccolo uccello, avrei esitato, non avrei fatto come lui. L’uccello giunse su una graziosa mano, la fortunata creatura non poteva volere di meglio. Se fossi un grazioso, piccolo uccello, non avrei esitato, avrei fatto come lui.

 7. Come era bella, un tempo, la mia vita e il mio amore; attraverso una parete, si, attraverso dieci pareti, lo sguardo del mio amato mi riconosceva. Ma ora, ohimè, per quanto stia vicino al suo freddo viso, i suoi occhi e il suo cuore non si accorgono più di me.

 8. Quando i tuoi occhi mi guardano così dolcemente e amorevolmente, ciò che è cupo e mi tormenta fugge via. Fa’ che non svanisca questo splendente amore! Nessuno mai ti amerà di un amore fedele come il mio.

 9. Sulle rive del Danubio c’è una casa e dentro una tenera ragazza che guarda fuori. La ragazza è ben protetta: dieci chiavistelli d’acciaio sono stati posti sulla porta. Ma dieci chiavistelli d’acciaio non sono che uno scherzo; io li spezzerò come se fossero soltanto vetro.

10. Come scorre dolcemente il ruscello nel prato: come quando Amore incontra Amore!

 11. No, non è più possibile vivere con le persone; esse fanno tali e tante velenose interpretazioni di ogni cosa. Se sono allegro, dicono che ho piacere di liberare le passioni; se sono calmo, esse dicono che sono pazzo d’amore.

 12. Fabbro fa’ chiavi, chiavi senza numero; chiuderò la bocca ai malvagi bricconi una volta per tutte!

 13. L’uccellino vola nell’aria, cercando un ramo; e il mio cuore anela ad un cuore, un cuore su cui riposare in pace.

 14. Guarda come sono chiare le onde quando la luna le illumina! Tu che sei il mio amore, torna ad amarmi ancora!

 15. L’usignolo canta così meravigliosamente, quando le stelle brillano. Amami, mio amato cuore, baciami nell’oscurità!

 16. L’amore è un dardo misterioso, e anche molto pericoloso, io lo provo in me. Non posso sentire o vedere, posso solo pensare alla mia gioia immensa, posso solo gemere nel mio dolore.

 17. Non girovagare, mia luce, là fuori nel campo! Troppo umido, troppo morbido è per i tuoi piedi delicati. Là fuori i sentieri sono inondati, così i ponti: là, purtroppo, hanno pianto i miei occhi!

 18. Tremano i cespugli: li ha appena sfiorati un piccolo uccellino in volo. Allo stesso modo, la mia anima trema, freme di amore, di piacere e di dolore quando pensa a te.

(traduzioni di Sandro Sanna e Daniele Vinci)